Il giorno di Pasqua, domenica 12 aprile, alle 16, al camposanto maggiore di via Reggio, erano presenti il prevosto monsignor Bruno Molinari, il sindaco Alberto Rossi e l’assessore ai lavori pubblici, Giuseppe Borgonovo.  Monsignor Molinari ha benedetto le tombe con una preghiera di suffragio per tutti i defunti, in particolare per coloro che in questo periodo di emergenza sanitaria hanno avuto sepoltura senza funerale pubblico e per coloro che sono deceduti propria a causa dell’epidemia Covid 19. L’amministrazione comunale aveva provveduto a far ripulire le tombe e a collocare sulla più parte di esse un ramo di ulivo espressione di affetto e nel contempo la cura che ogni famiglia avrebbe avuto verso i propri cari se fossero stati aperti i cimiteri. E’ stata anche l’occasione per ringraziare, in questo periodo di emergenza epidemiologica, quanti lavorano con impegno e discrezione al camposanto e nell’ambito delle onoranze funebri, affiancando i familiari nel difficile e delicato momento del lutto. Il medesimo rito si era svolto domenica 5 aprile, alle 16, al cimitero del quartiere San Carlo

Paolo Volonterio

Alcuni istanti dal momento di preghiera