GIOVEDI’ 19 MARZO, FESTA DI S. GIUSEPPE,
NELLE NOSTRE CASE CI UNIAMO TUTTI SPIRITUALMENTE
ALLE ORE 21 CON LA PREGHIERA DEL ROSARIO

In questo momento di emergenza sanitaria, la Chiesa italiana promuove un momento di preghiera per tutto il Paese, invitando ogni famiglia, ogni fedele, ogni comunità religiosa a recitare in casa il Rosario (Misteri della
luce), simbolicamente uniti alla stessa ora: alle 21 di giovedì 19 marzo, festa di San Giuseppe, Custode della Santa Famiglia.
Alle finestre delle case si propone di esporre un piccolo drappo bianco o una candela accesa.
TV2000 offrirà la possibilità di condividere la preghiera in diretta.

Come si prega col Rosario?
Introduzione
Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
O Dio, vieni a salvarmi.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Amen.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Come era nel principio, ora è sempre, nei secoli dei secoli. Amen.

Proclamazione del mistero della luce (all’inizio di ciascuna decina)
1° Mistero – IL BATTESIMO DI GESÙ
In quei giorni Gesù venne da Nazaret di Galilea e fu battezzato nel fiume Giordano da Giovanni. (Marco 1,9).
2° Mistero – LE NOZZE DI CANA
Ci fu uno sposalizio a Cana di Galilea. La madre di Gesù disse ai servi: “Fate quello che lui vi dirà”. (Giovanni 2,1).
3° Mistero – LA PROCLAMAZIONE DEL REGNO DI DIO
Gesù si recò nella Galilea predicando il vangelo di Dio e diceva: “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino;
convertitevi e credete al vangelo”. (Marco 1,14-15).
4° Mistero – LA TRASFIGURAZIONE
Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li portò sopra un monte alto, in un luogo appartato.
Si trasfigurò davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime. (Marco 9,2-3).
5° Mistero – L’ISTITUZIONE DELL’EUCARISTA
Mentre mangiavano, prese il pane e disse: “Prendete, questo è il mio corpo”. Poi prese il calice e disse: “Questo è il mio sangue”. (Marco 12,22-24).

Preghiera del “Padre Nostro” (all’inizio di ogni decina dopo la proclamazione del mistero)
Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo
così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.

Preghiera delle dieci “Ave Maria”
Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù.
Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

Preghiera del Gloria (al termine di ogni decina)
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera della Salve Regina (al termine delle cinque decine)
Salve, o Regina, Madre di misericordia. Vita, dolcezza e speranza nostra, salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva;
a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù, dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi
misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno.
O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

Preghiera secondo le intenzioni del Papa (a seguire)
Si recita “Padre Nostro”, “Ave Maria”, “Gloria al Padre”.

A conclusione diciamo questa breve invocazione a S. Giuseppe (è l’inizio di una preghiera tradizionale)

“A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione ricorriamo
e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio,
insieme con quello della tua santissima Sposa”.